», Notizie»Uno schiaffo ogni tanto non fa mai bene. Intervista a Ruth-Gaby Vermot-Mangold

Uno schiaffo ogni tanto non fa mai bene. Intervista a Ruth-Gaby Vermot-Mangold

In occasione del No Hitting Day 2021 – la giornata internazionale dell’Educazione non Violenta che ricorre il 30 aprile – ASPI ha intervistato Ruth-Gaby Vermot-Mangold, autrice dell’iniziativa parlamentare 06.419 del 2006: era la prima volta in Svizzera che si domandava al Consiglio federale una legge contro le punizioni corporali.

Impegnata da sempre a livello politico e sociale, Ruth Gaby è stata dal 1995 al 2007 parlamentare al Consiglio nazionale e membro al Consiglio d’Europa. Inoltre, va ricordata per essere la co-presidente e promotrice dell’Associazione internazionale PeaceWomen Across the Globe, nata a seguito dell’incredibile esperienza del 2005 denominata “1000 Donne per il Premio Nobel per la pace”, che mirava a dare visibilità a tutte quelle donne coraggiose sparse per il globo e impegnate per la pace, candidandole al famoso premio.

Una persona quindi con grande grinta che ha messo la sua vita a disposizione delle donne e dei bambini, per dar loro voce. ASPI le ha rivolto qualche domanda su un tema molto dibattuto in Svizzera: l’istituzione di una legge che proibisca le punizioni corporali su minori in tutti gli ambiti della vita che li coinvolgono, famiglia compresa.

 

Una sberla ogni tanto fa solo bene. Sono riconoscente ai miei genitori per gli schiaffi che mi hanno dato al momento giusto: quando ci vogliono, ci vogliono e sono cresciuti con sani principi. Ai giovani di oggi avrebbero dovuto dare più ceffoni!
Cosa risponderebbe davanti a queste affermazioni?

Trovo difficile credere a simili affermazioni. Come possiamo approvare gli schiaffi ricevuti dai genitori e considerarli necessari o utili? Immagino che chi fa tali dichiarazioni, possa aver percepito le sberle come un’attenzione positiva: “i miei genitori mi picchiano, così mi percepiscono – mi amano“. È allarmante e triste! Ma questo non mi sorprende. Quando la mia iniziativa parlamentare contro le punizioni corporali è diventata pubblica, sono rimasta sbalordita dalla furia con cui è stata combattuta e ridicolizzata e quante persone hanno cercato di convincermi che uno schiaffo al momento giusto fa miracoli. Torniamo alle persone che hanno accolto con favore questi metodi di punizione corporale: chiederei loro se si ricordano come si sentivano dopo aver ricevuto uno schiaffo. Direi al loro io bambino che lo schiaffo è violenza e mina alla loro dignità e che nessuno, ma proprio nessuno aveva il diritto di essere violento nei loro confronti e che avevano il diritto di lamentarsi di tali metodi educativi. Ma ovviamente in quel momento l’educazione dei figli era considerata un atto privato e lo schiaffo dato “al momento giusto” era sostenuto dalla maggior parte dei genitori o degli insegnanti come un’azione giusta e meritata. Pertanto, i bambini sono rimasti in gran parte non protetti.

 

 15 anni fa, lei fu la prima in Svizzera a sottoporre un’iniziativa parlamentare al Consiglio federale che chiedesse una legge contro le punizioni corporali su minori. Cosa la spinse a intraprendere questo passo? Quali furono le difficoltà che incontrò?

Anch’io sono madre e so quanto sia difficile crescere i figli. Ma avevamo già discusso molto intensamente dell’educazione non violenta nei circoli genitoriali. Successivamente sono stata membro dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, che si è sempre occupata dei diritti dei bambini e che ha costantemente cercato di convincere i suoi 47 Stati membri che qualsiasi punizione corporale contro i bambini è dannosa per i loro figli. Dignità e integrità. Ho constatato che molti Stati membri avevano già leggi sulla protezione dei bambini dalla violenza fisica e che queste leggi contribuivano in modo significativo alla discussione su cosa dovrebbe essere l’educazione non violenta. Sfortunatamente, la Svizzera ha impiegato molto tempo per ratificare la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, anche se la sua necessità era indiscussa nei contesti educativi. Ma pubblicamente c’erano ancora grandi difficoltà e instancabilmente diversi difendevano le punizioni corporali. I media hanno trattato l’argomento con rispetto, ma spesso hanno anche ridicolizzato i fatti. Il mio ex collega nel Consiglio nazionale e ora membro del governo di Zurigo, alla domanda sulla necessità di una regolamentazione legale, ha risposto: “Abbiamo diverse centinaia di pagine di regolamenti su come gli animali dovrebbero essere tenuti correttamente, ad esempio in modo che il pesce rosso abbia abbastanza acqua e la conigliera non sia troppo piccola. Ma non abbiamo una legge esplicita per la protezione del bambino. È assurdo”. Queste dichiarazioni erano, ovviamente, a favore della mia iniziativa. Tuttavia, i tempi non erano quelli giusti. Nel 2008 è stata respinta con la motivazione che c’erano già abbastanza leggi per proteggere i bambini.

 

15 anni e molte iniziative dopo, secondo lei come mai la Svizzera sta facendo così fatica ad istituire una legge che protegga i bambini dalla violenza, sebbene – con l’accettazione del postulato Bulliard-Marbach dello scorso dicembre – finalmente si è in attesa di una proposta da parte del Consiglio federale? Quali sono le obiezioni più comuni? In fondo la Confederazione è uno degli ultimi paesi in Europa a non aver intrapreso tale passo e il Comitato Onu per i diritti dell’infanzia l’ha più volte redarguita…

Oggi ci sono meno obiezioni. La violenza è diventata un tema quotidiano. Campagne globali contro la violenza e i dibattiti degli ultimi anni, come ad esempio i movimenti #metoo o il “black lives matter”, le campagne contro il femminicidio o l’omicidio familiare, tutte le discussioni pubbliche sulla violenza contro i bambini, le statistiche sui bambini picchiati o scossi a morte e soprattutto i nuovi sviluppi in materia di pedagogia, hanno cambiato le opinioni nella nostra società. La violenza nell’educazione non può più essere giustificata e solo i genitori o gli educatori tradizionalisti si aggrapperanno allo schiaffo come un buon strumento educativo. Per me è anche chiaro che una nuova legge debba assolutamente essere supportata: se da un lato, i genitori violenti devono assumersi la responsabilità delle proprie azioni, è anche vero che non dovrebbero essere lasciati soli, hanno bisogno di guida e sostegno: crescere i figli è spesso un compito difficile.

Nonostante il cambiamento nei dibattiti pubblici e tra gli esperti, la Svizzera continua ad essere in ritardo nella creazione di uno standard giuridico corrispondente. L’ONU e il Consiglio d’Europa hanno rimproverato la Svizzera per molto tempo invano, ma ora speriamo che finalmente faccia i “compiti” e presto!

 

Molto brevemente, quali possono essere i risvolti positivi dell’attuazione e applicazione di una legge simile sui bambini in primis, ma anche sulla tutta la società?

Una cosa è certa: molti cambiamenti si mettono in moto, quando uno Stato decide di adottare uno standard legale per proteggere i bambini dalle punizioni corporali. Le persone ora sono più consapevoli e più attente. E se un bambino viene schiaffeggiato in pubblico, spesso seguono delle reazioni. In Germania e in molti altri paesi le questioni della violenza contro i bambini sono state ampiamente dibattute pubblicamente e apertamente, sia tra i genitori che tra i professionisti e le autorità. I divieti di punizione corporale contro i bambini – da qui lo standard legale – sono stati progettati in modo che i genitori e gli insegnanti non siano necessariamente criminalizzati, ma possano chiedere aiuto e consigli ai servizi specializzati. E sono stati istituiti centri di consulenza. Si tratta di uno sviluppo auspicabile e positivo, e farebbe bene alla Svizzera.

 

Infine, cosa dobbiamo aspettarci per il prossimo futuro?

Ebbene, non bisogna certo aspettarsi miracoli. La sig.ra Buillard-Marbach chiede nel suo postulato un rapporto sull’attuale situazione giuridica in Svizzera per quanto riguarda la violenza contro i bambini. La preparazione del rapporto richiederà diversi mesi. Il Consiglio federale elaborerà un progetto di legge che richiede tempo. Le commissioni delle due Camere approfondiranno l’argomento, ci saranno dibattiti e altri dibattiti… Sarà lunga, come sempre, democraticamente lunga. Ma forse tra 4 o 5 anni la Svizzera avrà finalmente una legge che protegge i bambini dalle punizioni corporali – anche da quei famosi schiaffi!

2021-04-19T15:55:24+00:00 19 aprile 2021|