»»Prevenzione nello sport
Prevenzione nello sport 2019-07-23T09:38:47+00:00

 

Formazione Gioventù+Sport

Formazione per la prevenzione dei maltrattamenti sui bambini nello sport.

Pubblico mirato:

1. Monitori G+S per modulo di base (G+S1)
2. Dirigenti e monitori per il corso di aggiornamento del brevetto

Durata:

1. Due unità didattiche per il corso base
2. Una giornata intera per l’aggiornamento del brevetto

Obiettivi

Dal 2012, in collaborazione con G+S e l’Ufficio dello sport della Repubblica e Cantone Ticino, ASPI ha sviluppato un programma articolato di prevenzione degli abusi sessuali e di ogni forma di violenza sui bambini.

Gli obiettivi delle proposte formative di ASPI rivolte alle persone attive in ambito sportivo sono:

  1. Acquisire le conoscenze e sviluppare le competenze per riconoscere le situazioni di sospetto abuso o maltrattamento e sapere a chi rivolgersi, in modo da poterle interrompere e indirizzare le vittime a enti che possano sostenerle.
  2. Contribuire a evitare che gli abusi e i maltrattamenti (fisici ed emozionali/psicologici) possano accadere (prevenzione primaria) e sensibilizzare i monitori verso un atteggiamento di “buon trattamento”,
  • trasmettendo ai ragazzi e alle ragazze le competenze necessarie per potersi proteggere e ai monitori e agli operatori G+S le competenze relazionali e educative in modo da poter sostenere nei loro allievi le capacità di auto protezione,
  • sostenendo nei monitori e negli operatori G+S un atteggiamento educativo basato su relazioni rispettose dei loro “utenti”, per evitare maltrattamenti nelle loro interazioni con i ragazzi,
  • cercando di motivare i potenziali abusanti a cercare aiuto per non passare all’atto.
Modulo di base

Si tratta di un modulo suddiviso in due parti. Durante la prima parte, teorica, viene illustrata la definizione del maltrattamento, in particolare dell’abuso sessuale, e ne sono spiegati i possibili indicatori e le dinamiche. Ci si sofferma anche sui messaggi della prevenzione primaria e sulle procedure in caso di sospetto. Durante la seconda parte, l’obiettivo è di riflettere sull’applicazione dei concetti teorici, partendo da situazioni concrete del contesto sportivo.

Corso di aggiornamento

È una formazione multidisciplinare per chi è già in possesso di un brevetto di monitore G+S e la partecipazione permette di mantenere e rinnovare il brevetto. La giornata si divide in una prima parte teorica e una seconda parte di workshop. La parte teorica, gestita da Myriam Caranzano, tratta il tema della prevenzione degli abusi sessuali. In seguito, Cristiana Finzi, delegata LAV, presenta la legge e il servizio per l’aiuto alle vittime e, infine, viene presentata la procedura in caso di sospetto da parte del Commissario Marco Mombelli, sostituto capo della sezione dei reati contro l’integrità delle persone (RIP) della Polizia Cantonale. Durante la seconda parte, i partecipanti riflettono su situazioni reali, al fine di trovare delle strategie concrete per prevenire gli abusi nella realtà sportiva e per poter gestire adeguatamente eventuali situazioni sensibili.

 

Contatti

Pamela Mombelli
Responsabile ASPI per i corsi G+S

pamela.mombelli@aspi.ch

 

Patrick Bignasca
Responsabile Settore Gioventù+Sport

patrick.bignasca@ti.ch

 

.